Corriere Valsesiano > Spettacoli > Cultura > Vintebbio: venerdì Piera Mazzone presenterà il libro “L’Antipapa, gli UFO, il taumaturgo eretico”
Attualità, Cultura Bassa Valle -

Vintebbio: venerdì Piera Mazzone presenterà il libro “L’Antipapa, gli UFO, il taumaturgo eretico”

Scritto da Rosella Osta Sella poco prima della prematura morte

Venerdì 19 luglio 2019, alle ore 21, presso la Comunità Ricreativa Vintebbiese, Ex Scuole Elementari, Piera Mazzone, Direttore della Biblioteca Civica “Farinone-Centa” di Varallo, presenterà il libro scritto da Rosella Osta Sella: “L’Antipapa, gli UFO, il taumaturgo eretico”, incentrato sulla figura di Don Rino Ferraro, che fu Parroco di Vintebbio dal 1956 al 1969.

Il libro fu completato dalla scrittrice serravallese poco prima della prematura morte, avvenuta nell’estate 2017.

Rosella era una indagatrice attenta e faceva i conti con la storia, quindi fu molto attratta da quel “buco nero” nella storia vintebbiese, che ebbe importanti ripercussioni a livello nazionale negli anni Settanta del Novecento. Don Rino, asiglianese di nascita, fu nominato parroco di Vintebbio nel 1956 e si avvicinò alla dottrina della “Chiesa del Cristo rinnovata” fondata da colui che si definì l’Antipapa, il francese Michel Collin che si autonominò Clemente XV.

Nel libro, scritto dopo aver indagato archivi e riletto i giornali dell’epoca, ma soprattutto facendo ricorso a ricordi personali dell’autrice e alla ricostruzione della vita del sacerdote, scritta dal Parroco Postuese Don Guido Galfione, è avvincente come un romanzo, racconta i fatti, astenendosi da giudizi ingenerosi, che non facevano parte della personalità di Rosella, artista a 360°, che utilizzava con la stessa disinvoltura i colori o la penna e sapeva tessere una trama narrativa convincente.

Piera Mazzone, come Amica di Rosella aveva avuto tra le mani le ultime bozze del libro, consegnate personalmente da lei in un pomeriggio sereno che contrastava con l’irrequietezza dell’autrice che era tormentata da questa vicenda di cui fu protagonista, suo malgrado, il sacerdote Don Rino: “Scopo di Rosella era informare, il più possibile in modo corretto, per eliminare certe fantasiose e malevole ricostruzioni, ridando finalmente pace ad un Uomo che certamente era animato da sani principi, ma li estremizzò al punto da varcare il labile confine dell’eresia”.

La serata si preannuncia molto interessante quindi i Vintebbiesi in primis e tutte le persone interessate sono invitate a partecipare. Al termine dal CRV e dal rione Lupo sarà offerto un piccolo rinfresco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Il Museo Etnografico di Romagnano è collocato in Villa Caccia,...