Corriere Valsesiano > Spettacoli > Cultura > «Tre visioni del Sacro»: la mostra d’arte nella chiesa parrocchiale di Prato Sesia
Attualità, Cultura Bassa Valle -

«Tre visioni del Sacro»: la mostra d’arte nella chiesa parrocchiale di Prato Sesia

Massimiliano Fabris, don Mario Vanini e Saverio Genise espongono in parrocchiale

Si svolgerà presso la sala S. Marta della chiesa parrocchiale, da sabato 1 giugno fino a domenica 16, la mostra d’arte «Tre visioni del sacro» . L’iniziativa culturale rientra nel quadro dei festeggiamenti patronali di San Bernardo. E’ una mostra particolarmente significativa, in quanto le opere pittoriche esprimeranno tre diverse interpretazioni del «Sacro», secondo la visione degli autori: Massimiliano Fabris, don Mario Vanini e del maestro Saverio Genise.
Tre artisti, credenti e non, differenti per generazione e stile, attratti dal sacro, coinvolti in un percorso inedito e parallelo.
Massimiano Fabris ha partecipato a oltre una cinquantina di mostre (fra cui tre personali), in Italia, Inghilterra ed Europa dell’est. E’ attivo in particolare sulla scena della pop art: le sue opere sono caratterizzate da un’influenza new pop in cui si sperimenta l’utilizzo di materiali diversi: su basi che vanno dal legno alla tela si parte dal colore acrilico per arrivare all’inserimento di materiali come cd e vinili.
Don Mario Vanini, oltre a essere il parroco di Prato Sesia, vanta una carriera artistica di tutto rispetto, essendo riconosciuto come uno dei maggiori artisti neo espressionisti del nostro tempo. La sua brillante carriera artistica, oltre 60 anni di pittura, varca le soglie nazionali, con numerosissime mostre personali.
Saverio Genise, maestro d’arte e intarsiatore, ha origini cosentine (di Roseto Campo Spulico), ma da anni risiede a Gattinara e opera in campo artistico in tutta Italia come curatore e artista. Le sue opere vanno dall’intarsio vero e proprio alle composizioni pittoriche a olio d’ispirazione caravaggesca. Nel suoi curriculum spiccano numerose mostre e premi nazionali e internazionali.
L’esposizione sarà inaugurata ufficialmente il primo giugno alle 19, e sarà aperta domenica 2, dal 7 al 9 e dal 14 al 16 giugno, dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 21.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Nelle settimane scorse le classi 5ªS A e 5ª B...