Corriere Valsesiano > Attualità > Sono in dirittura d’arrivo gli interventi al piano rialzato dell’ex ospedale di Borgosesia
Attualità Borgosesia -

Sono in dirittura d’arrivo gli interventi al piano rialzato dell’ex ospedale di Borgosesia

Ospitaranno gli uffici dell’Agenzia delle Entrate

Sono ormai in dirittura d’arrivo gli interventi al piano rialzato dell’ex ospedale di Borgosesia, destinati a ospitare gli uffici dell’Agenzia delle Entrate: «I lavori edili sono terminati» spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Fabrizio Bonaccio. «La prossima settimana si faranno gli allacci ai servizi e quindi entro aprile si potrà procedere con la consegna dei locali all’Agenzia che, volendo, potrebbe già essere operativa in questa sede a partire da maggio».

I lavori hanno interessato una superficie di 250 mq nell’ala est dello stabile, dove sono stati ricavati un grande locale per il front office e diversi uffici interni, oltre a un archivio e altri locali di servizio. Chi entra è accolto da uno spazio ampio di colore chiaro, molto moderno e accogliente.

«Abbiamo già incaricato uno studio di progettazione» aggiunge Fabrizio Bonaccio «per l’intervento sull’ala ovest, dove ci sono 200 mq da ristrutturare per poter poi ospitare gli uffici dell’INPS. Pensiamo di pubblicare il bando di gara a giugno, auspicando un inizio lavori a settembre e una fine lavori entro fine anno. A quel punto i borgosesiani potranno contare sulla conservazione, in città, di due importanti servizi».

Mantenere i servizi in città, non solo per i borgosesiani ma per tutta la Valsesia, è l’obiettivo del sindaco Paolo Tiramani: «Borgosesia è capoluogo della Valsesia e deve fare la sua parte anche per tutti i comuni limitrofi: è in quest’ottica che ci siamo subito attivati per trovare gli spazi da destinare all’Agenzia delle Entrate e all’Inps: abbiamo sostenuto un investimento notevole ma siamo consapevoli che solo mantenendo i servizi sul territorio potremo combattere la tendenza allo spopolamento, dovuta anche a una politica che tende ad accentrare i servizi nei capoluoghi di provincia o addirittura nel capoluogo regionale, spingendo le persone ad allontanarsi dalle valli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Domenica scorsa in parrocchia c’è stato, guidato da don Matteo,...