Corriere Valsesiano > Attualità > Ricordando Mickey Radice
Attualità Varallo -

Ricordando Mickey Radice

Il varallese, che risiedeva in Inghilterra, è mancato nei giorni scorsi

In Inghilterra, a soli 45 anni di età, stroncato da un male che si pensava di aver sconfitto, è mancato Mickey Radice, erede di quella antica famiglia che fu promotrice del Carnevale varallino. Mickey , figlio del compianto «Carlin» Radice e della inglese Maria, conosciuta e apprezzata infermiera che prestò servizio all’Ospedale di Varallo, con il fratello Dino, pure lui molto conosciuto in città, è cresciuto nel paese della mamma, dove ha compiuto gli studi e ha esercitato la professione di avvocato fino a quando la salute glielo ha consentito.
Ogni tanto tornava in Valsesia. Infatti, è stato al Sacro Monte che aveva chiesto a Rhyan di sposarlo dandole l’anello di fidanzamento.
Dalla loro unione, celebrata a Bristol nel 2007 alla presenza di numerosi parenti e amici giunti dall’Italia, sei anni fa nacquero due gemelli, un maschio, Joe, e una femmina, Elin.
La malattia che lo aveva costretto ad abbandonare l’attività professionale sembrava sconfitta, tanto da indurlo a intraprendere un altro lavoro.
Tutto sembrava tranquillo. Poi, tre mesi fa la terribile verità, implacabile la sentenza: non c’è più nulla da fare.
Lo strazio ha colpito Rhyan con i bimbi, mamma Maria, il fratello Dino con Lucy e le loro bimbe Gabriella e Giorgia; lo zio Giovanni Capelli con Grazia; i cugini Carlo Capelli con Mariko e Renzo; Tiziana Capelli con Nina e Caterina con Roberto Carrara e i loro tre bimbi; Giampiero Barinotti; i numerosi parenti inglesi; le famiglie D’Enrico, Salomone, Longhi e Stragiotti, i molti amici varallesi.
Addio Mickey, parenti e amici lo hanno salutato e ricordardato domenica 10 marzo nella Basilica del Sacro Monte dove è stata celebrata una S. Messa in suo suffragio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
La Stazione dei Carabinieri di Borgosesia si “fa bella” grazie...