Corriere Valsesiano > Attualità > Primi in Piemonte, secondi in Italia
Attualità Gattinara -

Primi in Piemonte, secondi in Italia

Lusinghiero risultato per l’Istituto Comprensivo di Gattinara al concorso «Il Milite... non più Ignoto»

Mercoledì 30 gennaio le Penne Nere di Gattinara hanno consegnato un assegno-premio di 500 euro da parte dell’ANA nazionale ai ragazzi delle classi terze della Scuola media dell’Istituto Comprensivo di Gattinara. Il riconoscimento va a gratificare il grande risultato ottenuto nel concorso «Il Milite… non più Ignoto», indetto dall’Associazione Nazionale Alpini in collaborazione col ministero della Difesa. I giovani gattinaresi si sono classificati al primo posto a pari merito con i loro colleghi di Saluzzo a livello regionale e, in gara con gli studenti di altre sei regioni italiane, si sono classificati al secondo posto a livello nazionale.
Il progetto prevedeva di esplorare il tema della Prima Guerra Mondiale attraverso l’adozione di un monumento ai Caduti presente sul proprio territorio.
L’attività di ricerca, iniziata nel 2014 coinvolgendo più di 300 alunni della Media che si sono susseguiti negli anni, ha consentito di individuare i nomi dei Caduti gattinaresi (un centinaio), la causa di morte e il luogo, con informazioni utili anche per i discendenti dei valorosi combattenti.
Nel corso della cerimonia l’Alpino Aldo Lanfranchini, della sezione ANA Valsesiana ha ricordato il grande impegno di ricerca tradottosi in molte ore di lavoro dei ragazzi in collaborazione con tutti coloro che li hanno affiancati, e l’importanza dello studio per una corretta conoscenza delle cose. L’Alpino Massimo Fioravanti, del Gruppo di Gattinara, ha ripercorso le tappe che hanno portato alla realizzazione dell’iniziativa – che a suo tempo aveva incontrato il pieno favore dell’allora capogruppo Romeo Forti – e ha ringraziato tutti coloro che hanno avuto un ruolo nella ricerca: col Gruppo gattinarese, quindi, la sezione Ana Valsesiana, il personale comunale, l’archivio cittadino, l’Associazione Culturale Gattinara, l’archivio parrocchiale, l’archivio di Stato di Vercelli, e l’allora assessore Luisa Cerri per la molta disponibilità mostrata lungo tutto il percorso di studio. Ringraziamenti anche a quei cittadini che hanno donato i cimeli e le fotografie esposte alla mostra allestita per il centenario della fine della Grande Guerra. Anche le consultazioni via web hanno fornito un ottimo contributo alla ricerca: è stato citato a esempio il caso del sito www.cadutigrandeguerra.it
La docente Patrizia Agazzone si è detta orgogliosa per il risultato ottenuto, frutto di un ottimo lavoro partito «un po’ all’avventura», ma capace di coinvolgere profondamente alunni e insegnanti. «Sono grata agli Alpini di Gattinara» ha aggiunto «che con questa proposta ci hanno permesso di uscire dai soliti binari di lavoro consentendoci di raggiungere un grande risultato. I ragazzi hanno fatto uno sforzo grandissimo e con loro anche noi insegnanti che li abbiamo accompagnati dandoci insieme reciproca forza. Un grazie anche alla signora Fioravanti per come si è dedicata a questo lavoro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Riccardo Ghisletti e Davide Bosoni, due ragazzi di Milano, fotografi...