Corriere Valsesiano > Spettacoli > Cultura > Le classi II dell’Istituto Comprensivo di Varallo visitano Santa Maria delle Grazie
Attualità, Cultura Varallo -

Le classi II dell’Istituto Comprensivo di Varallo visitano Santa Maria delle Grazie

Completato il progetto interculturale

Giovedì 4 aprile con la visita alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, si è completata la parte dedicata alla conoscenza diretta dei luoghi di culto, progetto trasversale tra gli insegnamenti di religione, cittadinanza e attività alternative, ideato dal maestro di religione, Fabio Parisi, con la collaborazione degli insegnanti delle tre classi seconde dell’Istituto Comprensivo di Varallo: Lidia Accornero, Maria Carolina Ferla, Liviana Righes, Maria Consales, insegnante di sostegno.

Conoscere le religioni degli “altri”, vedere i punti di contatto e le differenze, tessere dei paralleli tra il modo di pregare ed i precetti di comportamento.

Particolare rilievo è stato dato al concetto di “rispetto”, che bisogna tenere quando si entra nei luoghi di culto, a qualsiasi religione appartengano, che contempla anche l’avere un abbigliamento che rispetti le regole. Fabio Parisi ha spiegato gli elementi fondamentali della chiesa cristiana con i banchi rivolti verso l’altare che si trova al centro dell’aula sacra, l’acquasantiera, generalmente posta all’ingresso della chiesa, in cui si intingono le dita per fare il segno della croce, ricordando che il momento più importante della Messa è la consacrazione.

I bambini a piccoli gruppi sono poi stati introdotti nella piccola chiesa che sta alle spalle della Parete Gaudenziana, dove è stata anche spiegata loro la presenza dell’organo, uno strumento usato per accompagnare le funzioni liturgiche.

L’attenzione dimostrata dai bambini, che pure erano molto piccoli, è stata la dimostrazione di quanto sia importante conoscere per rispettare. Il progetto sarà completato con dei cartelloni illustrativi realizzati dai bambini, che racconteranno la loro esperienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
La chiesa dell’Assunta ritorna al centro dell’attenzione: i complessi interventi...