Corriere Valsesiano > Attualità > Il vicesindaco di Grignasco, Katia Bui: «Continuare il lavoro per il paese»
Attualità Grignasco -

Il vicesindaco di Grignasco, Katia Bui: «Continuare il lavoro per il paese»

E' alla guida della lista civica «Obiettivo continuare nel rinnovamento».

Katia Bui è il terzo candidato Sindaco in corsa alle Comunali del 26 maggio. Vicesindaco uscente, è alla guida della lista civica «Obiettivo continuare nel rinnovamento».
Qualcosa lascia presagire continuità con la maggioranza uscente…
«La mia lista auspica la conferma di un gruppo che secondo me ha mostrato di volere e sapere ben amministrare il paese. Siamo passati dalla situazione finanziaria molto problematica di dieci anni fa a 380mila euro di avanzo di amministrazione al 31 dicembre 2018 e nessun debito verso creditori: questi sono fatti. Credo che la lista sia una buona miscela fra amministratori di esperienza e “volti nuovi” ugualmente motivati a porre le loro competenze a servizio della comunità».
Dopo anni di progressivo impegno amministrativo eccola a tentare la scalata alla fascia tricolore, qualche paura delle responsabilità ulteriori cui andrebbe incontro?
«No, nessuna paura. In tutto quello che ho fatto – e che rifarei – ci ho sempre messo un impegno in prima persona, sia sotto il profilo del bilancio che sotto quello dei rapporti con le associazioni per organizzare i servizi, sia per ciò che riguarda i temi culturali. Sono abituata ad assumermi le responsabilità delle scelte e posso dire che questi anni di esperienza amministrativa sono stati utili per rendere tutti noi più “consapevoli”…»
Di che cosa?
«Di un po’ tutto: di come funziona la macchina comunale, di come si fronteggiano le emergenze, di come si gestiscono bilanci e interventi, di quanto si debba essere attenti nei confronti del cittadino, di quanto si debba essere rigorosi e rispettosi di norme in contiuno cambiamento che sembrano sempre più penalizzanti tanto più cerchi di essere virtuoso, di dove andare a reperire le risorse… cosa di questi tempi sempre più ardua, ma che abbiamo saputo fare, come testimoniano i molti interventi ben realizzati, mi verrebbe da dire, nonostante tutto e tutti».
La sua idea di Grignasco.
«E’ un paese che, superata una fase difficile, ha tante potenzialità per rilanciarsi. E per fare questo deve rendersi più “visibile” ai suoi stessi cittadini. Il nostro programma non è una serie di cose messe insieme per stupire, ma la “trascrizione” di ciò che riteniamo possibile: rifare il polo sportivo, spostare la casa di riposo, creare nell’ex biblioteca un centro che valorizzi le opere e gli artisti locali e un patrimonio culturale notevole… sono solo esempi di come intendiamo rendere il paese più attrattivo, aggregante, fruibile. E, se posso aggiungere…».
Prego…
«Parallelamente va condotta un’azione di coinvolgimento: verso le scuole, le associazioni, i singoli cittadini. Tutti devono sapere che il Comune è dalla loro parte e che Grignasco non è solo dove risiedono, ma dove vivono, il “loro” paese».
E’ vero che si ipotizza, in caso di vittoria, un assessorato esterno?
«Sì. C’è un tema cui vogliamo riservare particolare attenzione perché è molto sentito dalla gente e da noi amministratori, quello della sicurezza. Crediamo che una rete sociale molto efficace possa essere presupposto ideale di una comunità più serena. Pertanto c’è l’intenzione, se eletti, di affidare al Luogotenente della Guardia di Finanza Dario Dho lo sviluppo di una serie di iniziative da lui stesso suggerite con competenza e passione a tutela della collettività. Quello delle qualità professionali e dell’entusiasmo nel volersi impegnare per gli altri è un aspetto che secondo me contraddistingue anche tutti gli altri componenti della lista. Disporre di professionisti preparati nei vari settori e di persone di esperienza è senz’altro una marcia in più».
Lei è l’unico candidato «rosa» in lizza… vantaggio o svantaggio? Intendo dire come impegni professionali e personali.
«Quando una persona seria si assume un impegno è evidentemente perché ritiene di essere in grado di assolverlo nel migliore dei modi. Personalmente e professionalmente ho accettato questa sfida sia perché credo di essere nelle condizioni di garantire presenza e reperibilità, sia perché so di poter contare su una squadra fatta di gente capace e disponibile, in grado di supportarmi al massimo perché con me condivide l’impegno di prodigarsi sempre per il bene di Grignasco».
Ad affiancare Bui saranno: Alessandro Balzarini; Roberto Beatrice; Giuseppe Godio; Maurizio Pizzi; Pier Tomaso Garampazzi; Fabio Desilani; Simona Bailo; Enrica Pastore; Gaetano Giacopelli; Sabrina Platini; Angelica Bocchio; Enrico Zielo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Borgosesia è vestita a festa per la Granfondo Marcello Bergamo,...