Corriere Valsesiano > Attualità > Guardabosone: ultimi mesi da sindaco per Zaninetti
Attualità Bassa Valle -

Guardabosone: ultimi mesi da sindaco per Zaninetti

Prima di lasciare programmati importanti e attesi lavori

Dopo tre mandati da Sindaco di Guardabosone, preceduti da altri vent’anni in Consiglio comunale come assessore e vice sindaco di Silvano Caccia, Claudio Zaninetti si appresta a concludere la sua lunga esperienza amministrativa. Alle elezioni di fine maggio, infatti, ha già fatto sapere che non si ricandiderà più.
Ripromettendoci di ripercorrere a breve insieme questi tre lustri alla guida del paese, ci concentriamo ora sull’ultima fase di mandato che, come evidenzia soddisfatto il Sindaco, sarà caratterizzata da importanti e attesi lavori. Partiamo dal progetto più importante, il recupero ambientale dell’area del «Funtanin», sita dietro la chiesa parrocchiale di Sant’Agata.
«Era il marzo 2010 quando abbiamo presentato un primo progetto di recupero» racconta Zaninetti; «c’era stato promesso un finanziamento regionale che non è poi arrivato. Quel progetto è stato recentemente ripreso e attualizzato, ottenendo 84.000 euro di fondi ATO2 con il tramite dell’Unione Montana dei Comuni della Valsesia e ora i lavori possono finalmente partire. Sono veramente contento perché questo intervento permetterà di recuperare e bonificare un intero versante che per altro, fino a una sessantina di anni fa, veniva abitualmente utilizzato come discarica. Oltre alla pulizia e alla manutenzione di tutta l’area, i lavori prevedono la sistemazione e la riqualificazione di un vecchia fontana in pietra con una copertura in mattoni a vista, risalente al 1872. L’acqua di questa fontana ha attualmente un getto continuo e, proprio questo flusso inarrestabile e consistente, sta causando non pochi problemi di stabilità del versante e al sottostante ampio sentiero, utilizzato soprattutto con i trattori, che porta all’imbocco della strada sterrata verso il Monte Aronne. Grazie a questi lavori, l’acqua non sarà più “dispersa” ma verrà incanalata e portata a valle, fino al torrente Venenza, risolvendo quindi la criticità. E inoltre si andrà a valorizzare una fontana che ha comunque un valore storico importante. I lavori partiranno a breve e dovrebbero concludersi già prima della fine del mio mandato».
Oltre a questo importante progetto, il Sindaco racconta di aver approfittato della possibilità data del Ministero dell’Interno di usufruire di finanziamenti destinati alla manutenzione del patrimonio comunale. «Abbiamo ottenuto 40.000 euro che ci permetteranno di mettere in sicurezza il tetto del Centro sociale e di sistemare un appartamento del Comune nell’ottica di darlo poi in affitto. Altro obiettivo, potenziare la videosorveglianza del paese andando a installare tre nuove telecamere».
Zaninetti si sofferma poi su un importante intervento di sistemazione del letto del torrente Strona, in località Pontestrona, che prevede la pulizia dell’alveo e la rimozione di inerti e di vegetazione infestante: «Il progetto è pronto e i lavori, per far fronte ai quali la Regione ci ha concesso un contributo di 30.000 euro, sono in partenza».
Da segnalare poi l’intenzione di realizzare delle strutture in legno per nascondere i bidoni della raccolta differenziata di plastica e carta, nei pressi del parcheggio dell’Orto Botanico e in piazza don Rigazio, proprio all’entrata di Guardabosone, nell’ottica di non deturpare l’immagine del paese, considerato un vero e proprio gioiellino. Questi lavori saranno realizzati con fondi comunali. «Abbiamo messo a bilancio 25.000 euro» dice Zaninetti «che ci serviranno, in parte per realizzare queste “coperture” e in parte per uniformare la pavimentazione nel nucleo medievale. C’è, infatti, un tratto di circa trenta metri quadri ancora in cemento. Interverremo pertanto per posizionarvi lastre in pietra e acciottolato».
In conclusione, il Sindaco segnala che inizieranno a breve i lavori per la realizzazione di uno sportello Postamat in piazza Repubblica: «Un nuovo servizio, pensato soprattutto per le pensione anziane o con difficoltà di spostamento che non saranno dunque costrette a scendere fino a Crevacuore per prelevare i contanti o effettuare anche diverse operazioni come bonifici e pagamento di bollette».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
E’ da quasi un anno operativa con successo la nuova...