Corriere Valsesiano > Attualità > Enrico Mora debutta alla televisione greca invitato da Stelios Parliaros
Attualità Grignasco -

Enrico Mora debutta alla televisione greca invitato da Stelios Parliaros

E’ il maestro pasticcere, titolare del locale di charme Saint Honoré a Grignasco

I legami di Enrico Mora con la Grecia non si sono mai allentati, perché nati da una profonda passione per l’arte, la civiltà, la cultura di quella terra. Enrico Mora, che parla perfettamente il greco, è maestro pasticcere, titolare del locale di charme Saint Honoré a Grignasco, che nel 2018 ha compiuto vent’anni, ha lavorato per anni in Grecia per la famiglia di armatori Embiricos, con la quale ha instaurato e tuttora mantiene un forte rapporto di amicizia.

Grazie ad Enrico Mora sul nostro territorio vengono proposti e fatti conoscere dolci tradizionali della tradizione greca, attualizzati ed armonizzati al gusto… ed alle calorie delle nostre diete. Miele, frutta secca, pistacchi concorrono nella creazione di biscotti ricchi di sapore, digeribili, apprezzati anche dai nostri palati: kourabiedes, melomacarona, biscotti ripassati nel miele caldo, kalvas con i semi di sesamo, un dolce tradizionale che viene mangiato in Quaresima. Dalla Grecia Enrico Mora importa direttamente molti ingredienti dei suoi dolci, come la famosa pasta fillo o la mastika, una resina usata per profumare dolci, gelati o mousse.

Nell’aprile 2015, venne in Italia Stelios Parliaros – l’uomo che ha definitivamente cambiato il corso della pasticceria in Grecia, autore di molti libri, con una rubrica fissa sul quotidiano “Kathimerini”, presentatore di trasmissioni televisive, e conduttore di seminari – per documentarsi su quello che avveniva nel mondo della pasticceria, cogliendo gli stimoli più nuovi e creativi, ripresi sulla rivista greca che porta proprio il suo nome. Nella pasticceria Saint Honoré di Grignasco, fu realizzato e poi pubblicato sulla rivista un servizio fotografico che illustrava un ambiente elegante, inusuale, in cui i dolci convivevano con articoli di bigiotteria, con mobili di pregio e soprattutto con inedite idee regalo, che piacquero molto a Parliaros, convinto che proprio le “contaminazioni” creino un mondo migliore.

Parliaros nato a Istanbul nel 1959, terminato il liceo, si trasferì ad Atene per continuare i suoi studi e casualmente scoprì l’arte della pasticceria e, come d’obbligo, si trasferì in Francia per studiarla ed approfondirla. All’età di ventidue anni tornò ad Atene ed aprì la sua prima pasticceria in un seminterrato nel quartiere borghese di Kolonaki: presto divenne il pasticcere più alla moda, adorato come una rock star, indiscusso protagonista della “scena dolciaria” della capitale. Parliaros ha svecchiato la pasticceria greca, limitata fino ad allora a pochi, collaudati, dolci tradizionali, portando un’allure nuova e creativa, introducendo ingredienti e tecniche sconosciuti ed insoliti.

Enrico Mora è stato invitato come ospite straniero all’ultima puntata della stagione del programma di Parliaros, che verrà messa in onda su Sky TV greca e su You Tube sabato 15 giugno alle ore 15. La puntata era dedicata a far scoprire ad Atene nuove attività e luoghi tipici a un italiano che però conosceva già molto bene la Grecia. Enrico Mora è arrivato ad Atene su un volo dell’Aegean Airlines dove Parliaros firma il dolce che viene servito in Business Class, accolto all’aeroporto e portato in uno degli alberghi più belli della città: l’Hotel Grande Bretagne, nella centralissima Piazza Sintagma. La prima tappa è stata al Lago Vouliagmeni, un piccolo lago dalle acque dotate di proprietà terapeutiche, che si trova a venticinque chilometri dalla città ed è circondato da spettacolari formazioni rocciose: lì sono state girate alcune scene con la responsabile della splendida riserva naturale. Le riprese sono poi state traferite all’interno del ristorante panoramico che si affaccia sul porto di Vouliagmeni, approdo di yachts di lusso, e all’interno di una grande proprietà, appartenente alla chiesa greca, luogo ideale per eventi per la spettacolare collocazione, essendo affacciato sulla spiaggia più bella di Atene. Enrico Mora, seduto di fronte al mare, ha rievocato con Stelios Parliaros la sua carriera iniziata come studente alla prestigiosa Scuola Alberghiera di Varallo, per passare poi alle numerose esperienze internazionali, tra le quali quella a cui è più legato è sullo yacht privato della famiglia Embiricos, che gli ha permesso di scoprire la Grecia, la sua storia, la gente, la cucina, le isole, ciascuna delle quali, dalle più grandi alle minuscole, è un microcosmo ed un crogiuolo di civiltà: “Sono riconoscente a Maria, vedova dell’armatore George Embiricos che con l’affetto che ancora oggi ci lega, mi ha sempre dato la sensazione di far parte della famiglia, coinvolgendomi nell’intensa vita sociale e culturale”. La prima giornata si è conclusa al calar del sole con un banchetto di cibi ellenici. Il giorno successivo Enrico Mora è stato condotto nel pittoresco quartiere di Monasteraki per visitare una cappelleria ed immergersi nel cuore della vita commerciale, tra montagne di profumatissime fragole e favolose ciliegie. In una drogheria ha potuto acquistare il “Thè dell’Olimpo”, i rinomati pomodori secchi di Kalamata e i pregiati pistacchi di Egina. L’itinerario ha toccato il punto più panoramico di Atene: Saint George de Lycabitos. Nel pomeriggio trasferimento all’aristocratico quartiere di Kolonaki, all’interno del laboratorio di Parliaros, dove sono state realizzate due ricette a quattro mani: dolcetti al pistacchio e, proposta da Enrico Mora, una ciambella all’acqua con mastika, poiché gli era stato richiesto di proporre una ricetta molto semplice, facile da riprodurre in casa: “Questa ciambella è interessante per l’impasto senza burro, molto leggera e molto morbida. Ho introdotto la mastika è per valorizzare un ingrediente greco, infatti questa resina viene estratta da un albero che cresce sull’isola di Chios ed esiste solo in Grecia. Durante la preparazione ho donato a Stelios un libro illustrato incentrato sui nostri laghi: il Lago d’Orta e il Lago Maggiore, che ha sfogliato con interesse mentre io gli suggerivo itinerari da percorrere. Abbiamo anche parlato a lungo della nostra cucina e dei prodotti tipici delle nostre valli: per me è stata un’esperienza fantastica, quindi grazie Grecia, il nostro Amore è per sempre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Ospite al Rotary Club Valsesia, riunito in Interclub con il...