Corriere Valsesiano > Attualità > Da anni e anni… il Premio «Zanni»
Attualità Borgosesia -

Da anni e anni… il Premio «Zanni»

Consegnato l’edizione 2019 a Roberto Drovetti che gestisce il rifugio Cà’ Meja al Tovo

Mercoledì 6 marzo, al termine del tradizionale pranzo in Pro Loco, il Comitato Carnevale di Borgosesia ha consegnato l’edizione 2019 del Premio Giovanni Franco Zanni all’Associazione Pro Rifugio Monte Tovo del presidente uscente Roberto Drovetti, che gestisce appunto il rifugio Cà’ Meja al Tovo.
La sua costruzione, datata 1952, con inaugurazione nel mese di ottobre di quell’anno, la si deve al desiderio e alla volontà di mettere a disposizione di chi saliva lassù un «ricovero», un locale, insomma, che accogliesse e ospitasse.
Perché da sempre il Tovo è stato meta di gite, escursioni, estive e invernali.
Una volta, addirittura, lassù si sciava: per due stagioni rimane attivo un impianto di skilift, di quelli con aggancio a mano.
Nel 1976 si disputa la prima gara, il Trofeo Tocchio e Martini, poi diventato Trofeo Monte Tovo. Per l’Epifania si svolge il Cimento Invernale, una gara di slittini e bob riservata a bambini e ragazzi.
Ecco, per favorire la permanenza al Tovo di tutto questi affezionati frequentatori, si comincia a pensare a un rifugio. Viene presentato un progetto «di massima», per la realizzazione del quale si apre anche una sottoscrizione.
L’obiettivo di arrivare ad avere un rifugio è fortemente condiviso, da molti.
E i lavori vengono avviati e vedono coinvolti anche tanti volontari, tutti uniti dallo scopo comune.
Il taglio del nastro è appunto dell’ottobre 1952.
Fino al 1975 la gestione è in carico a privati; poi affidata alla sottosezione CAI cittadina. Dal 1980 se ne occupa l’Associazione Pro Rifugio Monte Tovo.
E’ bello qui ricordare che nel lontano 1975 venne organizzata la Marcia Alpina, una camminata che, lungo un percorso di circa 10 km, porta i partecipanti da Borgosesia su al Tovo. E’ libera a tutti, non competitiva e da quando è stata «inventata» vuole ricordare a quanti ogni ano vi si iscrivono l’importanza e i valori dello stare insieme, salendo in montagna, sui bei monti della nostra valle.
E una volta arrivati in cima, ecco, il Rifugio Cà Meja che ci accoglie: ormai da tantissimo tempo, è lì ad attendere camminatori, escursionisti, turisti, atleti.
Proprio quel Rifugio, al quale mercoledì 6 marzo il Comitato Carnevale di Borgosesia ha consegnato il Premio Zanni 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Sono stati 89 i grignaschesi che hanno partecipato alle elezioni...